Il piano editoriale: la definizione di una content strategy efficace

Il piano editoriale è uno strumento indispensabile di pianificazione per pubblicazione di contenuti sui siti, social o blog. Ogni social network ha proprie caratteristiche che lo differenziano dagli altri social ed è quindi necessario definire una comunicazione ad hoc per ciascun canale anche se, nel caso di utilizzo di più social , la comunicazione dovrà essere coordinata.

Il piano editoriale deve essere elaborato in relazione alla strategia di marketing e comunicazione che si è deciso di utilizzare per il raggiungimento di un obiettivo e target specifico.  Per realizzare un piano editoriale è necessario aver fissato chiaramente gli obiettivi che si vogliono raggiungere e procedere con un’accurata definizione del calendario in cui il piano si articolerà.

Occorre quindi  capire attraverso un’analisi dell’azienda quali sono i valori  su cui maggiormente puntare per promuovere il brand, aver chiari i punti di forza rispetto ai diretti competitor e lo scopo dell’azienda che si vuole comunicare. Altri aspetti importanti da considerare sono sicuramente i contenuti che dovranno essere coerenti tra loro e con l’obiettivo della comunicazione. Il tone of voice è infatti  di fondamentale importanza perché è quell’elemento che contribuisce a trasmettere l’immagine dell’azienda. Il modo in cui scrivere un determinato post, gli argomenti che si devono trattare e la scelta delle immagini, sono tutti elementi che devono essere allineati all’immagine del brand. Perché un piano editoriale funzioni è importante rispettare le scadenze  definite nel piano poiché anche la decisione di quando pubblicare un post e con quale frequenza, sono elementi da definire con attenzione.

 

La strategia che si deciderà, permetterà di raggiungere nuovi potenziali clienti e rafforzare ulteriormente il rapporto con la community già acquisita. Nel corso del tempo in base ai risultati ottenuti con le varie azioni, sarà possibile capire quale elemento del piano ha funzionato meglio e quale no, procedendo quindi con successivi aggiustamenti.  Il piano editoriale deve essere quindi adattato costantemente al fine di cogliere tutti i segnali che il target al quale ci si rivolge, ci fornirà. Capire cosa non ha funzionato sarà molto importante per capire le necessità e gli interessi di chi segue il brand.

 

Dopo aver analizzato le caratteristiche del target del brand, attraverso l’utilizzo di piattaforme si possono creare diversi pubblici ai quali sarà indirizzata la comunicazione/sponsorizzazione, ad esempio pubblici per interessi, geo localizzazione, età, sesso..

La scelta dei contenuti, del tone of voice e delle aree geografiche dove attivare prevalentemente le sponsorizzazioni sono tutti elementi che consentiranno di supportare il brand nel raggiungimento del proprio obiettivo.

 

È quindi molto importante fare la sponsorizzazione del piano editoriale, ad esempio se una campagna deve generare più traffico al sito, sponsorizzare un prodotto/servizio, far crescere la notorietà del brand, generare conversioni o attirare potenziali clienti per raggiungere gli obiettivi prefissati dal brand.

 

Hai qualcosa da chiederci?